Crea sito
Raise Yourself

Gli inutili “ti faremo sapere” ai colloqui di lavoro.


11
11
11
11

Pur essendomi diplomato da poco tempo, mi è già capitato di avere diversi colloqui di lavoro, sia con le agenzie del lavoro che con qualche azienda. Sarà per il fatto che fino ad ora, essendo stato fino allo scorso anno ancora uno studente, la cosa più simile ad un colloquio che avevo affrontato erano le interrogazioni a scuola (terribili!), ma ero abbastanza agitato dall’idea di doverne affrontare uno! E in questo articolo voglio parlarti degli inutili “ti faremo sapere” che le aziende spesso dicono ai colloqui di lavoro!

Cosi come a scuola un’interrogazione può portare un voto sufficiente o uno insufficiente, un colloquio orale con un’azienda ha un’esito molto più importante ovvero quello di trovare un lavoro. Direi che è un motivo molto valido per essere agitati non credete? Anche perché per un ragazzo che ha appena finito la scuola, non si tratta semplicemente di trovare un lavoro, ma di lasciarsi alle spalle la spensieratezza della vita scolastica per entrare nel mondo dei grandi!

 

ti faremo sapere

fonte: delocastore.wordpress.com

 

Ma perché le aziende fanno i colloqui?

Li fanno per due motivi che poi sono direttamente collegati tra di loro. Il primo motivo, è per conoscere meglio un candidato. Dal Curriculum Vitae, un’azienda può capire quanti anni avete, che scuola avete fatto, con che voto siete usciti (anche se sempre meglio non mettere il voto dell’esame di maturità!), le vostre esperienze, ma resta solo un pezzo di carta e non dice nulla sul carattere di una persona, su come si pone alle domande e su come essa parla. Quindi è fondamentale per le aziende effettuare un colloquio orale per conoscere meglio quello che potenzialmente potrebbe essere un loro nuovo impiegato.

Il secondo motivo è quello che voglio approfondire in questo articolo. Infatti, oltre che per conoscere meglio un candidato, le aziende effettuano i colloqui come ulteriore selezione, dopo quella che fanno con i CV lasciati dalle persone (se l’azienda si avvale di una agenzia di lavoro per assumere i dipendenti, abbiamo un’altra selezione ovvero il colloquio con quest’ultima!). Infatti, sopratutto in questo periodo di grande disoccupazione (specie giovanile) le aziende si ritrovano con decine se non centinaia di CV lasciati dalla gente in cerca di un lavoro. Quando devono assumere qualcuno hanno quindi un’ampia scelta di persone, e ovviamente vogliono scegliere il candidato migliore, anche se si tratta di un lavoro banale.

 

colloquio

fonte: catania.liveuniversity.it

 

Perciò dopo aver letto i curriculum e aver scelto le migliori persone per capacità tecniche ed esperienza (nel CV possono vedere solo quello),tra queste persone le aziende vogliono individuare la migliore per capacità personali, ovvero per carattere, capacità di ascolto, di parlare, ecc… . E per scegliere il candidato migliore per il posto di lavoro vacante, vengono fatte chiamare più persone per un colloquio orale, effettuando così un’altra selezione.

 

“Ti faremo sapere…”

Dopo aver spiegato brevemente il perché le aziende fanno i colloqui, torniamo da dove eravamo partiti ovvero dal giovane neo-diplomato (sto parlando per esperienza personale, ma credo che valga per tutti) che si accinge ad effettuare un colloquio di lavoro. Con addosso un’agitazione della madonna (per usare un eufemismo) questo giovane ragazzo si reca all’azienda dalla quale è stato chiamato, e si ritrova da solo in una stanza con la/e persona/e dell’azienda addetta ai colloqui. Ed è qui che inizia la critica.

 

ti faremo sapere

fonte: www.piuweb.net

 

La maggior parte delle volte infatti, dopo aver risposto a tante domande ed aver sudato sette camicie (nel vero senso!), l’unica cosa che l’azienda è in grado di dire è “Ti faremo sapere.“. E queste parole sono tremende per la persona che ha appena svolto il colloquio. Non è né un Si, né un No, ma un forse. E’ perché queste tre paroline sono tanto tremende? Perché non permettono all’interrogato di capire com’è andato il colloquio. Se uno riceve un no secco, per quanto possa essere duro e crudele, almeno sa che ha sbagliato qualcosa e prova quanto meno a correggere gli errori commessi durante il prossimo colloquio.

Lasciando la questione in sospeso, l’azienda (o chi per essaimpedisce alla persona di andare avanti e pensare subito al proprio futuro. Cosa voglio dire con questo? Non sapendo fin da subito l’esito del colloquio, il candidato rimane in attesa anche per più di una settimana, speranzoso di ricevere una telefonata da parte dell’azienda, che arriva solo in caso di esito negativo del colloquio. Per questo ritengo che l’azienda dovrebbe comunicare fin da subito l’esito del colloquio, e se c’ho non fosse possibile comunicare nei giorni successivi l’esito della selezione, sia in caso di esito positivo sia negativo.

 


 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui tuoi social network preferiti, e se ti va metti mi piace alla nostra pagina Facebook!

E non dimenticarti di iscriverti alla Newsletter, per ricevere aggiornamenti sugli ultimi articoli pubblicati. Ti basta inserire il tuo nome e la tua e-mail:

Potrebbe interessarti anche...

Regola del Sì: come due lettere hanno cambiato la mia vita. La regola del Sì   Un paio di anni fa lessi un breve racconto su un libro di inglese. Si intitolava "Yes-Man", o qualcosa del genere. Parlava...
6 idee su cosa regalare al fidanzato per San Valentino! 6 idee su cosa regalare al fidanzato per San Valentino! Manca sempre meno a San Valentino, festa degli innamorati. E come ogni anno, scatta la caccia...
Vacanza di coppia: 4 mete imperdibili! Ecco a voi 4 suggerimenti un'indimenticabile vacanza di coppia!   1. Llogara ( Albania )   Pittoresco passo di montagna che domi...
10 idee regalo su cosa regalare alla fidanzata per San Valentino! 10 idee regalo su cosa regalare alla fidanzata per San Valentino! Ogni anno, migliaia di ragazzi si disperano nel tentativo di trovare il regalo perf...

Leggi anche...